UN PANE PROFUMATO

02.12.2021 11:33

Un pane profumato

 

Venerdì pomeriggio 8 aprile, nella collegiata di San Vittore ci siamo ritrovati con gli scolari e le scolare per una celebrazione quaresimale e pasquale nello stesso tempo. La Quaresima stava terminando, ed abbiamo sottolineato il compimento di questo cammino con i passi della via crucis. Nella vasta chiesa sono appesi in buon ordine i quadri che raffigurano i quattordici episodi della passione di Gesù. Camminando a passo lento ci siamo spostati, in gruppo, dall’uno all’altro quadro, meditando con brevi frasi evangeliche quel cammino doloroso che ha portato Gesù al Calvario, alla morte ed alla deposizione nel sepolcro. Abbiamo anche ascoltato le voci di coloro che accompagnavano Gesù in quel drammatico pellegrinaggio. Abbiamo cercato di scoprire in noi stessi i sentimenti contrastanti di gente che non capiva sempre cosa stava capitando. Al tempo di Gesù molti credevano in lui ma molti lo criticavano aspramente Dopo il significativo cammino tra le navate semibuie della chiesa, siamo saliti all’altare, che è così elevato rispetto al resto della chiesa, tanto da dare l’impressione di una elevazione spirituale. Abbiamo partecipato alla S. Messa, stando tutti attorno all’altare e poi abbiamo benedetto e spezzato un grande pane, preparato appositamente per l’occasione, condiviso tra tutti, anche dai piccoli che non hanno ancora festeggiato la prima comunione. Quasi a significare che il pane della condivisione e della solidarietà è preparato per tutti, senza alcuna distinzione. La nostra brava catechista e collaboratrice parrocchiale Margherita aveva già parlato in scuola di tutte queste realtà, ed ha desiderato mettere in pratica un insegnamento concreto della religione. In questo genere di catechismo a dieci dita, gli scolari e le scolare con Margherita hanno condiviso momenti belli e profumati, in quella che era l’ultima lezione di religione prima delle vacanze di Pasqua. Vacanze che ci auguriamo buone, cioè piene di stimoli e di riflessioni, e non già vuote e fatue! (PM)